Modello di Maturità delle Capacità
(CMM)

Centro di Conoscenza

   

5 fasi evolutive nel gestire i processi organizzativi. Spiegazione del Modello di Maturità delle Capacità [Capability Maturity Model]. CMM.

Indice

  1. Riassunto
  2. Forum
  3. Migliori Pratiche
  4. Expert Tips
  5. Risorse
  6. Stampa

Integrazione di Capability Maturity Model - modello CMMI Il modello di Maturità delle Capacità di CM-CEI è un modello organizzativo che descrive 5 fasi (livelli) evolutive in cui i processi sono gestiti in un'organizzazione.


Il concetto dietro il Modello di Maturità delle Capacità, originalmente sviluppato per lo sviluppo di software, è che un'organizzazione dovrebbe potere assorbire e far funzionare le applicazioni dei propri software. Il modello inoltre fornisce le fasi specifiche e le attività che contribuiscono a portare un'organizzazione da un livello a quello seguente.


Le 5 fasi del Modello di Maturità delle Capacità

  1. Iniziale (i processi sono ad-hoc, caotici, o pochi processi sono definiti)
  2. Ripetibile (i processi di base sono stabiliti e c'è un livello di disciplina a cui attenersi in questi processi)
  3. Definito (tutti i processi sono definiti, documentati, standardizzati ed integrati a vicenda)
  4. Gestito (i processi sono misurati raccogliendo dati dettagliati sui processi e sulla loro qualità)
  5. Ottimizzazione (è in atto il processo di miglioramento continuo tramite feedback quantitativi e la fornitura di linee guida per nuove idee e tecnologie)

Modello di maturità del software

Il CMM descrive i principi e le pratiche di fondo del processo di maturità dei software. È stato creato per aiutare le organizzazioni di software a migliorare la maturità dei loro processi di software in termini di percorso evolutivo. Questo percorso va da processi ad-hoc e caotici, verso processi maturi e disciplinati. L'attenzione è sull'identificazione delle aree chiave dei processi e le pratiche esemplari che possono contenere un processo di un software disciplinato. La struttura di maturità fornita dal CMM stabilisce un contesto in cui:

  • Le pratiche possono essere ripetute. Se non si ripete un'attività, non c'è motivo di migliorarla. Ci sono politiche, procedure e pratiche, che forzano l'organizzazione a implementare e performare costantemente.
  • Le best practices possono essere trasferite velocemente ai gruppi. Le pratiche sono definite sufficientemente da permettere trasferimenti attraverso i confini di un progetto, fornendo così una certa standardizzazione per l'organizzazione.
  • Le variazioni nello svolgere best practices sono ridotte. Obiettivi quantitativi vengono stabiliti in base alla mansione; le misure sono stabilite, prese e mantenute per formare una linea di base da cui è possibile effettuare una valutazione.
  • Le pratiche vengono migliorate continuamente per aumentare la capacità (ottimizzazione).

Il modello di Maturità delle Capacità è utile non solo per lo sviluppo di software, ma anche per la descrizione dei livelli evolutivi delle organizzazioni in generale e per descrivere il livello di Gestione che un'organizzazione ha realizzato o su cui desidera puntare.


La struttura del Modello di Maturità delle Capacità

  • Livelli di Maturità - una struttura stratificata che fornisce una progressione alla disciplina, necessaria per realizzare il miglioramento continuo. È importante dichiarare qui che un'organizzazione sviluppa la capacità di valutare l'effetto di una nuova pratica, tecnologia, o strumento sulla propria attività. Quindi non è una questione di adottare tali pratiche, piuttosto riguarda la determinazione di come gli sforzi innovatori influenzano le pratiche esistenti. Ciò autorizza progetti, team e organizzazioni dando loro il fondamento per supportare scelte ragionate.)
  • Aree Chiave del Processo - l'area chiave del processo (KPA) identifica una serie di attività correlate che, svolte collettivamente, realizzano un insieme di obiettivi considerati importanti.
  • Goals - gli obiettivi di un'area chiave del processo ricapitolano le condizioni che devono esistere per quell'area chiave del processo. Le condizioni devono essere implementate in modo efficace e duraturo. Il grado di compimento degli obiettivi è un indicatore di quanta capacità l'organizzazione ha fissato a quel livello di maturità. Gli obiettivi indicano lo scopo, i confini e l'intento di ogni area chiave del processo.
  • Caratteristiche Comuni - le caratteristiche comuni includono le pratiche che implementano ed istituzionalizzano un'area chiave del processo. Questi cinque tipi di caratteristiche comuni includono: Impegno ad Operare, Abilità ad Operare, Attività Eseguite, Misurazioni ed Analisi e Verifiche dell'Implementazione.
  • Pratiche Chiave - le pratiche chiave descrivono gli elementi dell'infrastruttura e della pratica che contribuiscono più efficacemente all'esecuzione ed all'istituzionalizzazione delle aree chiavi del processo.

Criteri di Definizione del Processo

I Criteri di Definizione del Processo sono l'insieme degli elementi trattati che devono essere inclusi in una descrizione del processo di un software affinchè siano utilizzabili dalla gente che svolge il processo. Per stabilire i criteri bisogna chiedersi  - “Quali informazioni di processo del software devo documentare?„

Tali elementi del processo

  • Scopo - perchè un processo è realizzato?
  • Input - che prodotti di lavoro sono usati?
  • Output - che prodotti di lavoro vengono creati?
  • Ruolo - chi (o che cosa) svolge le attività?
  • Attività - che cosa è fatto?
  • Criteri d'entrata - quando (in che circostanze) possono cominciare i processi?
  • Criteri d'uscita - quando (in che circostanze) possono i processi essere considerati completi?
  • Procedura - come sono implementate le attività?
  • Rassegne e verifiche svolte.
  • Prodotti di lavoro che devono essere gestiti e controllati (o disposti sotto la gestione della configurazione).
  • Misurazioni da fare.
  • Formazione.
  • Strumenti.

Referenza Bibliografica: James R. Persse - Implementing the Capability Maturity Model -

Referenza Bibliografica: Mary Beth Chrissis - CMMI: Guidelines for Process Integration and Product Improvement -


Microsoft OLE DB Provider for ODBC Drivers error '8007000e'

[Microsoft][ODBC Microsoft Access Driver] Not enough space on temporary disk.

/menu_comments.asp, line 140 Failed to execute script: Http Status Code = 500

Microsoft OLE DB Provider for ODBC Drivers error '8007000e'

[Microsoft][ODBC Microsoft Access Driver] Not enough space on temporary disk.

/menu_expert_tips.asp, line 797 Failed to execute script: Http Status Code = 500

Microsoft OLE DB Provider for ODBC Drivers error '8007000e'

[Microsoft][ODBC Microsoft Access Driver] Not enough space on temporary disk.

/menu_resources.asp, line 1249 Failed to execute script: Http Status Code = 500

Paragonare al Modello di Maturità delle Capacità:  People CMM  |  OPM3  |  Balanced Scorecard  |  Premio di Baldrige  |  EFQM EFQM  |  Approcci al Cambiamento  |  Apprendimento Organizzativo  |  Kaizen


Ritornare alla Disciplina di Gestione: Cambiamento & Organizzazione  |  Risorse Umane  |  Conoscenze & Valori Intangibili  |  Supply Chain & Quality


Più Metodi, Modelli e Teorie di Gestione

Special Interest Group Leader

Lei qui


Tutto su 12manage | Pubblicitá | Collegati a noi | Privacy | Termini del Servizio
Copyright 2017 12manage - The Executive Fast Track. V14.1 - Ultimo aggiornamento: 22-2-2017. Tutto i nomi appartengono ai loro proprietari.

Microsoft OLE DB Provider for ODBC Drivers error '8007000e'

[Microsoft][ODBC Microsoft Access Driver] Not enough space on temporary disk.

/menu_expert_tips.asp, line 797 Failed to execute script: Http Status Code = 500

Microsoft OLE DB Provider for ODBC Drivers error '8007000e'

[Microsoft][ODBC Microsoft Access Driver] Not enough space on temporary disk.

/menu_resources.asp, line 1249 Failed to execute script: Http Status Code = 500